Il politico meccanico

Nel 1769 l’ingegnoso Wolfgang von Kempelen portò a Maria Teresa d’Austria un regalo molto particolare. Si trattava di un automa, dalle sembianze orientali, in grado di giocare a scacchi. Subito ribattezzato il Turco Meccanico, fu portato in tour per l’Europa e per gli Stati Uniti – a una dimostrazione a Philadelphia assistette perfino lo scrittore Edgar Allan Poe – come prodigio della tecnica e del progresso.

Peccato però che si trattasse di un imbroglio. All’interno del marchingegno si celava un nano. Sufficientemente piccolo da potersi nascondere in un doppio fondo quando, prima di ogni partita, gli sportelli della macchina venivano aperti per mostrare al pubblico sbalordito gli ingranaggi che la componevano. Dall’interno, grazie a un complesso meccanismo di specchi, il pover’uomo era poi in grado di seguire il gioco e manovrare le braccia del sedicente robot.

Il fondamentalismo di mercato replica oggi lo stesso inganno. Per quanto possa apparire paradossale, a tenere separata la politica dall’economia è stata e continua ad essere la politica.

Lorenzo Marsili . Yanis Varoufakis
Il terzo spazio

Annunci

Millenials viziati

Matteo Pascoletti su Valigia Blu evidenzia tre elementi tipici degli articoli sui giovani che non vogliono lavorare:

  1. La magnificazione della fatica come capacità a sé.
  2. La narrazione mitica del datore di lavoro.
  3. La trasformazione di problemi collettivi (diritto al lavoro) in problemi individuali (immaturità psicologica di chi non lavora stabilmente).

Il terzo mi sembra, come sostiene anche l’autore, l’elemento più odioso e violento:

Ossia dire al disoccupato: “Non trovi lavoro? È perché sei stronzo“. […] Si respinge la possibilità di individuare un problema scaricandolo sulle spalle di chi per primo ne subisce le conseguenze negative. Il conflitto sociale diventa problema psichico del singolo, l’alienazione prodotta dal conflitto diventa una minaccia per l’ambiente, che nulla ha da spartire con essa.

É la stessa ideologia che vedo alla dietro la diffusione dei corsi di yoga, meditazione e simili e che rappresenta il lato oscuro del reddito di cittadinanza e della meritocrazia: esaltare il progresso individuale annullando del tutto il background socio-economico in cui l’individuo nasce e si muove.

Ti sembra di non avere tempo per seguire una passione perchè lavori troppo? É colpa tua: medita e trova un nuovo equilibrio interiore!

Vuoi avere più soldi a disposizione? Smetti di versare i contributi per un eventuale sussidio di disoccupazione o per la pensione.

E se poi mi licenziano? É colpa tua: non ti sei impegnato abbastanza e non hai messo da parte dei soldi per questa eventualità.

Banche e politica

Sto leggendo il Il terzo spazio di Lorenzo Marsili e Yanis Varoufakis e c’è una proposta interessante che si ricollega alla recente critica del PD al Presidente della Banca d’Italia.

Come spiega bene il Post:

Il governatore di Banca d’Italia è una figura in teoria indipendente da governo e Parlamento. Viene nominato con un decreto del presidente della Repubblica, su proposta del governo e dopo aver interpellato il consiglio direttivo della Banca. Di fatto, il governatore viene scelto dal governo e a quel punto esercita il suo mandato senza più alcun condizionamento da parte della politica (sempre in teoria). In questo procedimento il Parlamento non ha nessun ruolo: per questo molti considerano un’indebita intromissione la mozione presentata e votata dal PD. Per alcuni è un attacco all’indipendenza di Banca d’Italia e un tentativo di portare l’istituzione al centro dello scontro politico, oppure una strategia di Renzi per ottenere facile consenso gettando sul governatore la colpa delle recenti crisi bancarie.

Ne Il terzo spazio c’è una riflessione connessa alla questione:

Disfare la Banca centrale europea per ricostruirla tale e quale in Italia non servirà a nulla. La via per recuperare sovranità, invece, è democratizzare il sistema finanziario. E si può iniziare a farlo proprio a livello nazionale. La Banca d’Italia può tornare di proprietà pubblica. Il suo direttore deve essere espressione del Parlamento italiano – con maggioranza qualificata, così come per le cariche istituzionali più importanti quali i giudici costituzionali – e lo stesso Parlamento deve avere il diritto di esercitare un’influenza sulle politiche portate avanti dalla Banca.