Madrid

Consigli dall’estate 2015

CENTRI SOCIALI E CULTURALI

La Tabacalera
Calle Embajadores 53
Situata nell’antica fabrica di tabacco di Madrid (30.000 metri quadrati), al confine tra Lavapies e Embajadores. La gestione dell’edificio è divisa: una parte appartiene al Ministero della Cultura, che realizza esposizioni di fotografie e arti visuali; l’altra parte è stata ceduta al Centro Social Autogestionado la Tabacalera de Lavapiés nel 2009, dal ministro della Cultura del governo Zapatero.

Esta es un Plaza
Calle del Dr. Fourquet 24
Questo spazio, nel quartiere di Lavapies, rientrava in un progetto di alcuni architetti italiani che decisero di sviluppare un luogo di incontro per gli abitanti del quartiere. Alla fine del progetto, gli abitanti del quartiere decisero di occupare lo spazio e continuare ad utilizzarlo. Nel 2010 si costituirono come associazione e gli fu ceduto in gestione (per cinque anni) dall’esecutivo di Gallardón. http://estaesunaplaza.blogspot.it/

Campo de la Cebada
Plaza de la Cebada 4
Inizialmente lo spazio ospitava la piscina municipale del quartiere La Latina. In seguito alla demolizione della piscina, la gestione fu ceduta alla Asociación de Vecinos de Centro-La Latina e nel 2011 nacque il Campo de la Cebada, che oggi ospita un orto urbano, un campo di calcetto e di basket e altre attività culturali.

La Casa Encendida
Ronda de Valencia, 2
La Casa Encendida è un centro culturale di Obra Social Caja Madrid, che ospita corsi di lingua, seminari su temi come l’ambiente e la solidarietà sociale, spettacoli di arti sceniche, film, mostre e concerti.

Matadero
Plaza de Legazpi 8
Il vecchio mattatoio, situato a Legazpi. Nel 2003 si decide di farne uno spazio culturale che aprirà le porte nel 2007. Spazio bello e attivo: mostre, concerti, seminari, festival, film. A fine luglio sono soliti fare l’inaugurazione de la teraza, in collaborazione con la birra Mahou. Sì, esatto.

Patio Maravilla
Calle Divino Pastor, 9

Era uno Spazio Polivalente Autogestito, situato nel quartiere di Malasaña (che prima si chiamava barrio de Maravillas). Nel tempo hanno occupato vari edifici e più volte sono stati sgombrati (l’ultima a luglio 2015).

BAR E TAVERNE

Casa Camacho
Calle de San Andrés 4
Tutto il locale, aperto nel 1928, è un unico bancone sporco. Famoso per il vermut e il yayo.

Casa Labra
Calle de Tetuán 12
Locale fondato nel 1860, famoso per il baccalà fritto.

Casa Gonzalez
Calle León 12
Aperto nel 1931, sembra una salumeria, ma in fondo al locale ci sono dei tavoli.

La Venencia
Calle de Echegaray 7
Vineria, un bancone, tavoli in legno e un gatto. Semplice ed efficace.

Casa Amadeo
Plaza de Cascorro 18
Aperto dal 1942, propone tutti i classici della cucina madrileña. Per stomaci forti.

Melo’s
Calle del Ave María 44
Piccolo, rumoroso, gallego. Se prendi una zapatilla ci mangiano tre persone.

Bodegas Alfaro
Ne esistono due, entrambe in Lavapies: la più antica, che già esisteva nel 1911 è nella parte bassa di Calle Amparo; la seconda, che risale al 1929, è nella parte alta di Calle del Olmo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...