Trafficanti o eroi?

Miriam Cosic sottolinea come sia cambiata nel tempo la valutazione sociale di quelle persone che aiutano rifugiati e migranti ad evitare i controlli e attraversare le frontiere nazionali.

Il suo parallelismo è semplice: quelli che durante la Seconda Guerra Mondiale aiutavano le persone a sfuggire da guerre e persecuzioni, procurandogli passaporti falsi e passaggi oltre-frontiere, erano eroi; quelli che oggi aiutano le persone a sfuggire da guerre e persecuzioni, procurandogli passaporti falsi e passaggi oltre-frontiera, sono trafficanti di uomini.

La guida di Benjamin, Lisa Fittko, e una guida austriaca chiamata Carina Birman, che aiutò il gruppo di Benjamin nell’ultimo tratto di montagna, erano quelle che oggi chiamiamo trafficanti di uomini. Ce n’erano molti che operavano in Europa, inorriditi per la difficile situazione degli ebrei e degli altri “Untermenschen”, coordinando le attività, fornendo documenti e aiutando le persone ad attraversare le frontiere illegalmente.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...