Il doppio binario dei diritti umani

Open Migration, creato dalla Coalizione Italiana Libertà e Diritti Civili (CILD), una rete di organizzazioni che lavorano per l’avanzamento dei diritti umani e delle libertà civili in Italia, fa un ottimo lavoro in tema di migrazione.

In un articolo sui pericoli della detenzione amministrativa dei migranti, Olivia Lopez Curzi nota che la detenzione amministrativa di migranti e richiedenti asilo è stata istituzionalizzata, fino a creare un doppio livello di protezione delle libertà personali:

Se per un cittadino tedesco, austriaco o italiano risulterebbe impensabile essere deprivato della propria libertà senza aver commesso nessun reato o per un semplice illecito amministrativo, per i cittadini di paesi non-UE soggiornanti all’interno dello spazio Schengen (o anche di Stati non membri che però applicano il Regolamento Dublino III, come la Svizzera) ciò è la norma.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...