Di satira e terremoto

La prima cosa che ho pensato, leggendo alcune reazioni alla vignetta di Charlie Hebdo sul terremoto in Italia, è stata c’è un livello intermedio tra ‘brutti stronzi, meritate di morire’ e ‘la satira è libera e non può essere criticata’?

Poi, al bar, ho sentito un commento illuminante: anche io sono indignato, non si fa mica così la lasagna!

Come spesso accade, è Luttazzi che ti aiuta a capire: Quando sei nel dubbio, chiediti sempre: “Chi è il bersaglio?”

La satira fa quel cazzo che le pare e non può essere censurata, ma questo non significa che sia infallibile, immune da critiche. Può diffamare o fare apologia di reato, ad esempio, e allora interviene la legge. Oppure può diventare un’altra cosa e farsi beffa di vittime, e allora interviene la riprovazione sociale. In quella vignettaccia c’è solo sghignazzo. Atroce perché fatto sui morti. Se ti piace questo genere di cose, questo dice molto su di te.

Annunci

Pubblicato da

andreagioseffi

Epicurean, of the Marxist tendency. Marxist, of the Groucho tendency.