Sì, va bene. Ma perchè?

Un carino articolo sulla modernità della filosofia di Epicuro

Epicurus knew what the focus of our lives should be: pleasure. Simply writing that still gives one a shiver. With the puritanical weight of Western thought hanging over us, to declare pleasure the aim of life is a radical act. Romanticism has robbed us of the joys of serenity. We seek the heroes of the body; the noble one who struggles and suffers for his cause. They make for good stories but poor role models. For us happiness is frivolous, friends are accessories, and philosophy is a luxury. Perhaps society needs to pause and reflect on Cineas’s question. What is our end game? What is the point of all the suffering?

Annunci

Importante è il domani

Porque cuando yo compro algo, o tú, no lo compras con plata, lo compras con el tiempo de vida que tuviste que gastar para tener esa plata. Pero con esta diferencia: la única cosa que no se puede comprar es la vida. La vida se gasta.

Pepe Mujica
from Human

La prigione geografica

Le coste africane? Spiagge veramente meravigliose, ma pessimi porti naturali. Fiumi? Fiumi incredibili, ma inadatti a trasportare alcunché, con tutte quelle cascate. Sono solo due dei tanti problemi che aiutano a spiegare perché l’Africa non è tecnologicamente e politicamente di successo come l’Europa occidentale o il Nordamerica. […]

Rinoceronti, gazzelle e giraffe si rifiutavano ostinatamente di diventare animali da soma – o, come spiega Diamond in un passaggio memorabile: «La storia avrebbe potuto prendere tutta un’altra piega se gli eserciti africani, alimentati da carne di giraffe da cortile e appoggiati da una “rinoceronteria”, avessero invaso l’Europa e spazzato via i suoi soldati alimentati a carne di montone e appoggiati dalla cavalleria»

Tim Marshall
Le 10 mappe che spiegano il mondo

Bar para todos

Oggi scopro che

En España hay 260.000 bares, uno por cada 175 habitantes, la cifra más alta de la Tierra (datos de 2016 de la consultora Nielsen) […] Para hacernos una idea de la enormidad de nuestra afición, digamos, por ejemplo, que tenemos más bares que la suma de todos los que hay en Estados Unidos [El bar de la esquina]

e mi chiedo, che ci faccio in Portogallo?

Una mappa di bar e tapas per ComunidadComparte los bares y tapas de tu Comunidad

Il volto del dio dei cavalli

Un recente ricerca condotta negli Stati Uniti afferma che le caratteristiche demografiche e sociali influenzano il modo in cui le persone si immaginano il volto di dio.

Detto con le parole di Senofane di Colofone (ca. 570-475 a.c.):

I mortali si immaginano che gli dei sian nati e che abbian vesti, voce e figura come loro; ma se i buoi e i cavalli e i leoni avessero le mani, o potessero disegnare con le mani, e far opere come quelle degli uomini, simili ai cavalli il cavallo raffigurerebbe gli dei, e simili ai buoii il bove, e farebbero loro dei corpi come quelli che ha ciascuno di loro. Gli Etiopi fanno i loro dèi camusi e neri, i Traci dicono che hanno occhi azzurri e capelli rossi.

Cercando un nuovo equilibrio

Ultimamente ho avuto a che fare con progetti di protezione e salvaguardia dell’ambiente, ho visto Downsizing, ho letto articoli accorati sull’importanza di salvare il pianeta, e la prima cosa che mi veniva in mente era sempre una frase di George Carlin: The planet is fine, the people are fucked.

La terra dopo la scomparsa dell’uomo troverebbe lentamente un nuovo equilibrio.

Se qualche alieno visitasse la Terra centomila anni dopo [la scoparsa dell’uomo], non troverebbe segni evidenti di una civiltà avanzata. Ma se quegli alieni avessero strumenti scientifici abbastanza sofisticati, potrebbero ancora trovare qualche segno della nostra esistenza. […] Per esempio forti concentrazioni di scheletri di una grande scimmia bipede, alcuni dei quali avrebbero denti d’oro o gioielli. […] Ma sarebbero fragili ricordi, patetiche memorie di una civiltà che un tempo pensava di essere il culmine dell’evoluzione. Nel giro di qualche milione di anni, l’erosione e forse una o due nuove ere glaciali cancellerebbero quasi tutte queste labili tracce.

Perché dal punto di vista di una sfera dal diametro medio di quasi 13mila km, ed un età approssimativa di 4 miliardi e mezzo di anni, gli esseri umani sono solo una specie animale particolarmente invasiva.